Immagini in evidenza (21)

L’Università di Torino si mette in gioco!

COMUNICATO STAMPA

L’Università di Torino si mette in gioco! Il Progetto PICNIC presenta i risultati della seconda fase del bando Proof of Value finanziato da Università di Torino e Fondazione Compagnia di San Paolo e realizzato in collaborazione con l’Incubatore 2i3T

 

Mercoledì 10 luglio – Ore 16,30, Casa del Teatro dei Ragazzi, Corso Galileo Ferraris 266, Torino 

 

Torino, 10 luglio 2024

Il progetto PICNIC dell’Università di Torino – Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi attende gli appassionati di giochi da tavolo, di scienza e di metodologie didattiche innovative  per l’incontro di disseminazione dei risultati della Fase 2 del progetto Proof of Value, l’innovativo bando per lo sviluppo di progetti innovativi a beneficio dei cittadini attivato da Università di Torino e Fondazione Compagnia di San Paolo e sviluppato in collaborazione con l’Incubatore 2i3T.

Durante l’incontro saranno presentati i risultati ottenuti dal progetto da ottobre 2023 a maggio 2024 e verranno ospitati in una tavola rotonda  alcuni esperti  che già hanno sposato la metodologia del gioco scientifico per nuovi modelli didattici più coinvolgenti ed inclusivi.

Parteciperanno oggi  alla Tavola Rotonda per esporre esperienze e punti di vista :

Giaime Alonge – Università di Torino, Dipartimento di Studi Umanistici

Laura Cardinale – Il Salotto di Giano

Luigi Civalleri  – Associazione Centro Scienza Onlus

Elena Deambrogio – CTE Next – Casa delle Tecnologie Emergenti

Gianfranco Gilardi – Università di Torino, DBios

Valeria Dinamo -Casa del Teatro dei Ragazzi

Luca Paolella  – Liceo Scientifico “E. Majorana” – Torino

Sara Ricciardi – Game Science Research Center, Lucca

Giorgio Sobrino – Comitato Public Engagement Università di Torino

Modera: Francesca Valetti, Founder Team PICNIC- Ribosome Game

Sappiamo che chi fa ricerca in accademia, come chi gioca, usa strategie multiple, inclusa la curiosità e l’entusiasmo, collabora in team, con l’intelligenza artificiale e sfrutta le potenzialità delle nuove tecnologie.

Cosa fa PICNIC con il gioco Ribosome Game: sfidandosi a carte per gioco si impara a costruire una proteina secondo le regole genetiche e biochimiche del ribosoma e poi, utilizzando siti professionali, che chi fa ricerca applica sul serio, si predice la struttura della proteina creata tramite un algoritmo di AI basato su DeepMind (AlphaFold2) e con un visore si entra nella proteina in 3D. Così la biochimica è sicuramente divertente!!

In attesa di incontrare i protagonisti dell’iniziativa segnaliamo alcuni tra gli interessanti risultati ottenuti dal progetto:

  • grazie al finanziamento del progetto Proof of Value “PICNIC” da parte di Compagnia di Sanpaolo e Università di Torino e con il  supporto dell’Incubatore d’Impresa di UNITO 2i3T  il prototipo del gioco “Ribosome Game” è stato utilizzato da più  1900 giocatori e giocatrici dai 7 ai 94 anni (maggiori info e il team qui);
  • partecipazione all’offerta formativa dell’Area CTE Education del Catalogo Crescere in Città del Comune di Torino, con quasi 300 bambini delle scuole elementari e medie che hanno potuto sperimentare il gioco e migliorare la loro attitudine e la loro confidenza con la biochimica;
  • partecipazione alla fiera a Modena Play (https://www.play-modena.it/),il più grande festival italiano dedicato ai giochi da tavolo unitamente ad altre università italiane che credono nel valore didattico e innovativo del gioco, per creare sapere in modo divertente;
  • primi accordi di internazionalizzazione con la Hosei University di Tokyo che ha intenzione di utilizzare il gioco in un progetto governativo dedicato ai bambini delle scuole elementari;
  • Premio “FEBS Open Bio Education Poster Prize” per il poster dal titolo “Apprendimento della sintesi proteica tramite un gioco di carte da tavolo: “Il gioco dei ribosomi” messo alla prova dalla scuola primaria ai corsi universitari”

Il progetto è guidato dal Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi con la collaborazione di altri 7 dipartimenti e un centro interdipartimentale, supportato da Quercetti, Fondazione Paideia, Il salotto di Giano, Xké? Il Laboratorio della Curiosità, ANISM, Liceo Porporato e Istituto Leardi.

Inoltre per iniziare una comunità di pratica sul gioco PICNIC fa squadra con altri progetti precedenti e in atto in UNITO nel campo del gaming per la didattica e la ricerca accademica, come i giochi ideati dal Dipartimento di Informatica (Sara Capecchi, Cristina Gena, Matteo Baldoni e Claudio Mattutino) per Quercetti,  i  giochi di strategia su eventi storici inventati mentre  da Giaime Alonge e Riccardo Fassone del Dipartimento di Studi Umanistici, i giochi del il team del Laboratorio Life del Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione, che usa il gioco per l’extended education o al Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco che con la professoressa Elena Ugazio coinvolge studentesse e studenti nel game design per farci entrare nel mondo della farmaceutica.

Stay tuned per altre novità, dalla community di Play@UNITO

Per info

Ufficio Stampa Incubatore dell’Università di Torino 2i3T

Mail: comunicazione@2i3t.it

Tel: 011/6706466

 

 

 

 

Altri